fbpx

Infezione del tatuaggio: indicazioni utili per la corretta guarigione

A volte, se non si seguono tutte le normali procedure per la cura di un tatuaggio, si finisce nell’incorrere in un’infezione. Non bisogna farsi prendere dal panico, piuttosto bisogna seguire alcune accortezze e rivolgersi direttamente a dei professionisti in caso di infezione del tatuaggio.

Infezione del tatuaggio: come curare un'infezione

I tatuaggi sono sempre più diffusi, più comuni e molto apprezzati dalla maggior parte delle persone.

Le tecniche e le precauzioni igienico-sanitarie da parte dei tatuatori professionisti sono sempre più sicure e affidabili per garantire la sicurezza dei clienti all’interno dello studio. Tuttavia, è necessario non prendere alla leggera sia la fase di realizzazione del tatuaggio, sia la fase di cura, essendo una “lesione” della pelle.

È possibile infatti che, non adottando queste importanti regole, si possa incorrere in un’infezione del tatuaggio. 

Chiariamo fin da subito che si tratta di un qualcosa di risolvibile, se si seguono i consigli del tatuatore professionista ed eventualmente le prescrizioni mediche se ci si dovesse rivolgere al proprio medico di fiducia per curare l’infezione.

 

Infezione del tatuaggio: cosa bisogna sapere

 

Se il tatuaggio non viene realizzato in maniera corretta, si rischia più facilmente di riscontrare dei problemi che possono rovinare l’esperienza del cliente. Quindi pensa bene di rivolgerti a dei professionisti seri e abilitati e con locali, attrezzi e strumenti a norma. Se vuoi informazioni più dettagliate a riguardo, clicca su questo link: ” tatuaggi sicuri“.

Prima di tutto bisogna saper riconoscere l’infezione del tatuaggio. I primi giorni è molto probabile e normale che la zona tatuata sia leggermente gonfia, arrossata e più sensibile. È importante prendersi cura correttamente del tatuaggio durante il periodo di guarigione. A proposito della cura del tatuaggio ne abbiamo parlato in un precedente articolo: “Cosa fare dopo il tatuaggio? Consigli utili per la cura del proprio tattoo“.

Prima di allarmarsi e giungere a conclusioni affrettate è bene attendere qualche giorno. In genere, dopo il tatuaggio si manifestano:

  • Gonfiore; 
  • Rossore;
  • Prurito anche nella zona circostante il disegno;
  • Calore emanato dalla zona tatuata; 
  • In casi particolari, anche febbre;

Quando, tuttavia, questi sintomi persistono per un periodo prolungato oppure compaiono altri sintomi come ad esempio delle bollicine bianche sul tatuaggio è bene non prendere sottogamba la situazione. In generale, si utilizza la Gentalyn Beta o il Bepanthenol, creme acquistabili tranquillamente in farmacia per prendersi cura del tatuaggio. Sarà comunque il tatuatore stesso a darti i giusti consigli e i mezzi per porre rimedio a questi piccoli inconvenienti.

 

Infezione del tatuaggio: e se sono allergico?

 

Inoltre, è possibile anche essere allergici agli inchiostri per i tatuaggi e quindi manifestare una reazione allergica che si evidenzia tramite eruzioni cutanee e prurito. Non è detto che la reazione allergica si verifichi subito dopo il tatuaggio, ma è possibile che compaia anche in un periodo successivo più lungo. È consigliabile dunque effettuare una prova allergica prima di sottoporsi ad un tatuaggio. Devi sapere che si possono comunque realizzare tatuaggi nonostante si abbia un’allergia agli ingredienti dell’inchiostro, ma con particolari accorgimenti e indicazioni da seguire. 

Ad oggi, è molto più raro che si verifichi un’infezione del tatuaggio se si prendono le giuste precauzioni e se si rispettano le norme durante la realizzazione e il periodo di guarigione. Se ti rivolgi ad uno studio di professionisti, come noi di Thunder Ink Tattoo, ti garantiamo l’assoluta sicurezza della tua esperienza per realizzare il tatuaggio. Prenota ora la tua seduta!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi